Hygge & Libri!

Occorrente:

– un divano confortevole;

– una coperta calda;

– indumenti e calzini comodi;

-un fuoco acceso;

– candele a creare l’atmosfera;

– una tazza di tè fumante, o una cioccolata calda;

– libri… libri… libri!!!

Si chiama Hygge e si pronuncia… hìgheh!

A dispetto del suono spigoloso (e assai poco semplice, da riprodurre in maniera corretta), Hygge è un mondo meraviglioso. Un meraviglioso modo di vivere.

Ma… cosa significa, con esattezza? 

Ho trovato la risposta nella recente lettura di un romanzo bellissimo, benché la scoperta della Hygge risalga al Natale dello scorso anno e i libri letti, in merito, siano stati tre…

Hygge è uno stile di vita completamente danese. Una ricerca della felicità che si muove sul piano delle cose semplici, dei momenti da condividere con familiari, parenti ed amici e che si avvale della bellezza e della cura di ciò che veramente conta, a dispetto di uno stile di vita fatto di corse continue contro il tempo, di cellulari costantemente a portata d’orecchio (o d’occhio!), di caccie sfrenate al lusso (in tanti modi e sotto tante forme) e dell’essere convinti che: si può essere felici solo possedendo tanto, tantissimo; anche da soli.

Hygge è: saper riconoscere ciò che conta veramente e riuscire a stabilire delle priorità.

Resta intesa la libertà di avere ognuno delle proprie priorità, ma… perché si possa dire di stare trascorrendo dei momenti hyggelig, quanto elencato sopra non può mancare.

Capisco il vostro scetticismo, se state leggendo questo post e il vostro pensiero – nella testa – è una sorta di nenia che recita: non può bastare una candela accesa, per essere felici!

All’inizio, devo ammettere di aver sollevato la stessa perplessità.

Resta indiscusso, però, che i danesi siano considerati il popolo più felice e che, anche se non esiste una sola parola italiana che abbia lo stesso significato di Hygge, da un po’ di tempo a questa parte anche da noi si sta cercando di dare maggiore importanza ai momenti, al saper recuperare un po’ di lentezza di tanto in tanto e alla bellezza delle cose semplici (lo so, sono ripetitiva, ma… non c’è niente di più hyggelig, confortevole, intimo e meraviglioso delle cose semplici).

Cose semplici sono: del buon cibo condiviso in buona compagnia, una pausa caffè con un collega, anche se il lavoro alla scrivania continua ad ammucchiarsi e il capo ha bisogno che sia consegnato tutto entro la fine della giornata, le pagine di un buon libro, a sostituire lo schermo di uno smartphone, o di un tablet, mentre siamo in attesa alla fermata dell’autobus o, assai meno piacevole, ma alle volte indispensabile, seduti dentro la sala d’aspetto di un dottore.

Ancora scettici?

Allora, vi dico anche che… il Natale è il periodo migliore per cimentarsi nella pratica della Hygge! Al primo sorso di tè, comodamente seduti sul divano e con un libro accanto, pronto per essere divorato, vedrete che non riuscirete più a farne a meno.

Un consiglio di lettura che possa avvalorare ancora di più la tesi del ‘vivere Hygge è bello!’?!?

Eccolo qui!

Gironzolando tra gli scaffali della libreria, una strana magia ha focalizzato il mio sguardo su quella sola parola corsiva. La conoscevo già, ma… mai abbastanza!

È stato amore a prima vista. Una lettura che è riuscita a passare avanti alle altre, già sopra il comodino e rimaste in attesa di attenzioni (speriamo non se la siano presa!).

Ho divorato le pagine, sorseggiando tè, sgranocchiando biscotti al cioccolato e al calduccio sotto le coperte; in buona compagnia.

Forse, Silver non ha bisogno di sapere che cosa sia la Hygge, ma ha seguito la storia di Clara con la stessa attenzione con cui l’ho seguita io. 

Sì! Il modo di vivere dei gatti è, credo, quanto di più Hygge possa esserci.

Un gatto sa decisamente riconoscere le cose per cui vale la pena adoperarsi e quelle per cui, invece, no.

Quando squilla il cellulare, specialmente di sera, o in momenti poco opportuni, Silver lo guarda male e sfoga la sua irritazione sul cavetto caricabatteria; rosicchiandolo (forse, la sua speranza è che il cellulare la smetta una volta per tutte di infastidire). Detesta il suono della sveglia, nei giorni feriali, quando non si può rimanere in casa a bighellonare e occorre sbrigarsi per uscire.

Quando siamo tutti sul divano, davanti a un bel film (preferibilmente natalizio… ora <3), Silver lascia perdere tutto quello che sta facendo e corre ad accoccolarsi accanto a noi. 

Ci sono volute diverse settimane  di distaccata convivenza, prima di riuscire a sentire il rumore della sua felicità, quando siamo insieme. Ma… anche perdersi un po’ dentro la sua musica interiore, è quel qualcosa che può favorire il buonumore.

C’è ancora da fare, perché la nostra Hygge sia perfetta… i lavori sono in corso! 😉

A pensarci bene e rammentando quanto appena detto… servono, urgentemente, delle candele! 😉

A patto di non incendiare niente, più candele è proprio quel che ci vuole.

Voi?!? Cosa pensate di fare? Hygge è qualcosa che vi attira? La vostra tazza di tè fumante è pronta?

Io ho appena acceso il bollitore… 

Per questa volta, vada ancora per i biscotti al cioccolato, ma… il mondo danese di Clara mi ha fatto venire voglia di…

«C’è cannella e noce moscata in questi pancake, è una ricetta danese». […] «Chiunque ha tempo per mangiare dei pancake. Sono una parte essenziale della vita. Come l’ossigeno, i cani, i bambini e il cioccolato.»…

Alla ricerca della ricetta su Google, non ho trovato ciò che stavo cercando, ma… mi sono imbattuta negli… Aebleskivers!!!

I pancake danesi sono a forma di pallina e pare siano morbidosissimi. L’effetto ‘uno tira l’altro’ è già intuibile dalle fotografie che scorro rapidamente, lungo la pagina del motore di ricerca. Vedere, per credere! 😉

Acquolina in bocca?!? Presente!

Voglia di sperimentare?!? Altrettanto!

Padella apposita?!? Già in viaggio!

Ho acceso ancora di più la vostra curiosità, sulla felicità in puro stile danese? Spero di sì!

Per essere proprio certa di aver dato tutti gli elementi necessari, eccovi anche la ricetta trovata… tra le tante a disposizione!

http://blog.giallozafferano.it/growingupitalian/aebleskivers-i-pancakes-danesi/
Vi saprò dire presto… speriamo.

Alla prossima tazza di tè! 😉

Buone letture!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...