L’ultimo giorno di magia…

Su OblòBlog si respira ancora aria di Festa!!!

Forse perché è difficile abbandonare la magia del Natale. Forse perché in macchina gira ancora il cd dei Pentatonix e continuare a canticchiare “White Christmas”, prima di arrivare al lavoro, non aiuta proprio a capire che siamo già a metà gennaio. Forse perché siamo a Gubbio e…a Gubbio c’è ‘lui’; per un giorno ancora.

Palazzo dei Consoli e Albero

Era il 7 dicembre scorso quando, appena finito l’effetto dei fuochi artificiali sparati in cielo per inaugurare l’accensione 2017 dell’Albero di Natale più Grande del Mondo, mi sono detta: “Sarebbe stupendo organizzarsi prestissimo, per la passeggiata in mezzo alle luci”.

Non una novità, ma… un appuntamento quasi immancabile, tra i tanti impegni delle feste.

Lasciati passare i primi fine settimana disponibili, ho continuato a tenere a mente il progetto per quelli immediatamente successivi al 25.

Nonostante il chiodo fisso, attraversando un brutto raffreddore, un paio di impegni sbucati fuori all’ultimo minuto e una piccola ricaduta nasale, con aggiunta di brividi, mal di testa e mal di gola, sono riuscita ad arrivare ad un passo dal… “è troppo tardi!”.

Ho seriamente creduto che per quest’anno avrei dovuto abbandonare l’idea, quando… “Perché non approfittare dell’ultimo giorno, per far visita al gigante buono?”.

Se è successo che altri impegni fossero riusciti ad avere la meglio sull’intenzione per tanto tempo, poteva essere altrettanto vero che – ad un passo dall’arrivederci, fino al prossimo 7 dicembre – la passeggiata in mezzo alle luci riuscisse ad avere la meglio su tutto il resto.

Un viaggio di sola andata in funivia… et voilà! Eccoci in cima al monte Ingino.

Alle diciassette in punto, l’interruttore è scattato per l’ultima volta e la magia luminosa dell’Albero, per un attimo, ha annullato la bellezza del panorama intorno.

La stella sulla cima, bellissima da vedersi, al di là della Basilica di Sant’Ubaldo, le luci colorate sfavillanti, la musica per gli stradoni.

Stella e Basilica

Insieme a Pat, abbiamo cominciato la nostra discesa sulle note di “Thank God It’s Christmas” dei Queen. La tradizionalissima “Astro del Ciel”, invece, ha guidato i nostri passi in quegli ultimi attimi di magia.

Lungo gli Stradoni

“Onorerò il Natale nel mio cuore e cercherò di tenerlo con me tutto l’anno”. Scriveva Dickens.

Voi cosa ne pensate? Si può celebrare il Natale un po’ al giorno, tutto l’anno? Può esserci un pizzico di magia sempre e comunque, a rendere più speciali le giornate, spesso anonime?

In un primo tentativo, quel che ci vuole è una bella tazza di cioccolata calda… facciamo due!

Cioccolata calda

Cosa resta ancora da fare?!? Ci sono gli addobbi da impacchettare e… Sì! Dei bigliettini dell’Avvento da leggere e conservare…

Bigliettini dell'Avvento

Che altro ancora?

Orsù… un pizzico di fantasia, per favore! È di nuovo attesa… è di nuovo trepidazione.

Sicuramente pronti a festeggiare… per ora non rimane altro da dire, se non: “al prossimo Natale!”.

Chissà che, se lo vorrete, passeggiando in mezzo alle luci dell’Albero non ci si possa incontrare.

2 thoughts on “L’ultimo giorno di magia…

  1. Mamma mia che bella passeggiata sarebbe da fare insieme! Un’idea da segnare.
    La magia del Natale ce la portiamo dietro tutto l’anno ma saperla usare quotidianamente è un’impresa da maghi esperti… comunque godersi una cioccolata calda mi sembra un buon allenamento, ottima idea! 😀

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s