Ad ogni Matrimonio la sua… Lista!

La fine del primo mese dell’anno passata da poco. L’arrivo veloce del 30 di Gennaio, a ricordare che… mancano cinque mesi al Matrimonio.

Forse perché la mia personalità è di quelle inclini a farsi prendere dal panico, prima di ogni altra cosa, ma… Panicooo!!!

Nonostante la scelta di un Matrimonio che sia il più intimo e semplice possibile, ci sono cose che – proprio – vanno pensate e organizzate esattamente come se la cerimonia fosse una di quelle in pienissima pompa magna. Vanno ricordate le scadenze da rispettare e va tenuto in considerazione che… un Matrimonio, per quanto semplice e intimo possa essere (chiedo scusa per la ripetizione, che mi è utile più che altro a evidenziare personalmente il concetto), non può comunque essere trattato come una festicciola di Compleanno.

Al primo giorno del mese di Febbraio, cercando di sostituire quell’urlo panicoso che continuava a disturbare i pensieri con un più incoraggiante: Hip-Hip Urrà!!!, penna e taccuino alla mano ho cercato di scrivere la… Lista. Pppppaa… Ok, niente. Sto zitta.

cpt_1517860723083

“La sposa previdente ha sempre con sé una lista di riferimento, quando si tratta di occuparsi dell’organizzazione del Matrimonio”. Non ricordo con esattezza quale, ma credo di aver sentito questa cosa da qualche parte in un film e di averla conservata nell’archivio della memoria, fino a che – et voilà! – si è rivelata utile.

Dunque, vediamo…

I primi cinque minuti sono serviti a capire cosa scrivere per primo nella Lista e ad acquisire la convinzione che: non avrei potuto farcela senza l’aiuto di una buona tazza di tè.

Seppure quella del foglio bianco, almeno per il momento, non sia tra le paure che mi appartengono… Beh! Devo ammettere che, quando si tratta di dover redigere una lista – sia anche quella della spesa – il mio umore non la prende mai troppo bene. (Chissà perché, va sempre a finire che mi dimentico qualcosa… Mah!).

I minuti immediatamente successivi sono stati quelli necessari a porre in evidenza il fatto che, comunque, trattandosi di un Matrimonio intimo, avremmo avuto tutti meno incombenze da risolvere e meno questioni da districare (quelle stesse questioni che in casi normali filano lisce come l’olio, ma che – puntualmente! – quando si tirano in ballo parole come Matrimonio o simili, riescono a trasformarsi benissimo in vere e proprie spine nel fianco… Ho sentito storie di spose sull’orlo di una crisi di nervi, a un passo dal sì! Spero di non andare ad aumentare il numero in favore della casistica). Ok… niente panico! Posso tirare un sospiro di sollievo.

Bevuto un primo sorso di tè, sono ancora seduta davanti a un foglio completamente bianco, dondolando la penna tra le dita; senza sapere bene cosa farmene.

Al secondo sorso provo ad aumentare le ragioni per cui, almeno spero, non ci sarà nulla di cui preoccuparsi.

Insomma, non so se sia da considerarsi un’esagerazione, o meno, ma… mi rende particolarmente felice l’idea di non dover affrontare la stesura di una ‘lista nozze’.

Pare sia uno dei vantaggi di quei matrimoni che arrivano a coronare una Vita di Coppia, successivamente alla convivenza. Perciò… nessuna esigenza a concentrarsi su servizi di piatti, sulle diverse forme dei bicchieri, o sulla robustezza – o l’eleganza – delle posate. Già fatto!

Comincio a tintinnare con la penna sul bordo del tavolo, quando realizzo all’improvviso di non avere ancora un’idea precisa su…

Oddio! Ora che la Lista mi costringe a pensarci…

Per quanto intimo possa essere… non abbiamo ancora in testa un numero preciso di… Invitati.

Con la necessità (ormai sempre più urgente) di contattare successivamente l’Agriturismo che spero vorrà ospitarci per il momento conviviale e con quella quasi concomitante di cominciare a pensare alle partecipazioni… quale sarà il numero massimo cui potremmo arrivare?!?

Prendo una seconda tazza per il tè e ci ritroviamo in due davanti al foglio ancora bianco.

Il tempo di snocciolare un po’ le dita, tra un sorso e l’altro, ed eccola qua… la nostra “Guest List”! Almeno la penna può ritenersi soddisfatta, di essere stata utile.

Ok… fatto!

Aggiungo la voce: “Cose da Fare” e stavolta riesco a scrivere spedita:

 

– incontro abiti in preparazione;

– lavorazione bomboniere (vi dirò… vi dirò…);

– menù; (pare che avere le idee chiare solamente sulla torta non sia sufficiente, ma che – almeno – serva di trovare qualcosa da mettere sotto i denti, prima di arrivare ad affondare i cucchiaini nel dolce 😉

– contattare (il prima possibile) il fotografo e qualcuno che possa occuparsi dell’intrattenimento.

C’è da pensare anche alla Luna di Miele (mi piace molto di più, rispetto a Viaggio di Nozze), ma… almeno per oggi, non riesco a far muovere di più le mie rotelline un po’ pigre e mi pare di capire che – anche per quanto riguarda il Futuro Sposo – il tempo di una tazza di tè per il momento sia da ritenersi più che sufficiente.

Cominciamo comunque a incrociare le dita.

Forse (dico, forse!) riusciremo a tenervi aggiornati.

Alla prossima!

3 thoughts on “Ad ogni Matrimonio la sua… Lista!

  1. Caspita, forse converrebbe iniziare a fare liste per il proprio matrimonio ideale e solo quando la base è ben impostata (scelta dello sposo compresa 😂), definire i dettagli!
    A me incuriosiscono due punti: lavorazione bomboniere e luna di miele! Attendo aggiornamenti… se avrete voglia e tempo di raccontarceli! 😉
    Comunque, buon “lavoro”! 💕

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s