“L’imprevedibile caso del bambino alla finestra” di Lisa Thompson

La prima pubblicazione italiana per Lisa Thompson, con il suo: “L’imprevedibile caso del bambino alla finestra”.

psx_20181017_185154-1019085798.jpg

Mi lascio incuriosire dalla copertina quel che basta. Tramite il Kindle, e grazie alla possibilità di scaricare un campione della storia, riesco a leggere immediatamente i primi quattro capitoli.

Rimango colpita dal giovane Matthew.

È lui il protagonista. 12 anni. Il bisogno di vivere le sue giornate chiuso in camera. Le difficoltà quotidiane, di chi si ritrova a convivere improvvisamente con un Disturbo del tipo Ossessivo Compulsivo.

“Un granello di sporcizia può degenerare velocemente in un’infezione”.

aviary-image-15397953114221540337125.jpeg

Rabbrividisco. Mentre mi sforzo di capire quanto possa essere difficile avere a che fare con una patologia del genere, anche per chi è parte della famiglia.

Nei primi quattro capitoli il lettore incontra la mamma, che prova a convincere il giovane Matthew a farsi curare da un medico specializzato.

È così che si viene a sapere che il bambino, oltre che essere terrorizzato da germi e batteri, ha anche un mostro interno da sconfiggere; un senso di colpa con cui è difficilissimo fare i conti.

Il resto me lo lascio raccontare dalla trama e da una velocissima ricerca su internet, prima di decidermi all’acquisto.

Matthew Corbin non è come gli altri dodicenni. Se fosse per lui resterebbe sempre chiuso in camera sua, al sicuro da germi, batteri e da tutti i pericoli del mondo esterno. Passa il tempo affacciato alla finestra a osservare gli strani vicini di casa e annotare ogni cosa sul suo diario. Fino al giorno in cui Teddy, il nipotino del signor Charles, che ha solo quindici mesi, scompare improvvisamente. La polizia non sa come muoversi: nessun testimone, nessuna traccia, nessun movente, nessuna richiesta di riscatto. Matthew è l’ultimo ad averlo visto mentre giocava nel giardino del nonno. L’unico a sapere esattamente ciò che è successo quel giorno. L’unico ad aver osservato ogni cosa e segnato ogni dettaglio sul suo diario. Lui è l’unico che potrebbe salvare il piccolo Teddy, se solo trovasse il coraggio di affrontare il disturbo ossessivo compulsivo che lo tormenta da sempre e uscire di casa. Un’avventura incredibilmente commovente, un romanzo sull’amicizia, sulla paura e sul desiderio di non arrendersi mai.

È considerato un libro per ragazzi, di quelli utili a far comprendere qualcosa di importante. È sicuro che il lettore ne uscirà cambiato, così come emerge già da un primissimo approccio al campione disponibile.

È considerato un libro per ragazzi, di quelli consigliatissimi anche per gli adulti.

Scopro attraverso altre recensioni che non sempre è facile affrontare la storia. Che, seppur leggera nelle prime pagine, poi sa prendere forza ed essere quasi un cazzotto nello stomaco. Di quelli che scuotono e sanno far bene; però.

Scopro anche che, patologia a parte, Matthew è un tipino tosto. Uno che non intende darsi per vinto.

È un dodicenne in grado di farsi amare dal lettore; nonostante tutto.

Matthew sa farsi capire.

Matthew sa farsi ricordare.

Nonostante tutto.

Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...