#Segnalazione: “D’amore e di briganti” di Cristiano Parafioriti

#NonSoloRecensioni!!!

Per la categoria: #Segnalazione… oggi sono a presentare “D’amore e di briganti”, il libro di Cristiano Parafioriti.

L’Autore è anche il “vincitore” di una Recensione (…Stay Tuned!), grazie al #InstaGiveAway organizzato per festeggiare i primi 100 Follower del profilo Instagram dedicato a questo Blog! (la pagina dedicata al Blog è: @oblo_blog).

Anche con Cristiano ci siamo conosciuti grazie alla nostra passione in comune per i #Libri e grazie ad un bel Gruppo di Lettori appassionati… 

Prima di scambiare quattro chiacchiere con lui, però, e prima di lasciarvi alla sua “mini” #IntervistaAutore, che ne direste di farvi incuriosire un po’ dalla trama del suo #Libro?!? 

Marzo 2017. Cristiano Parafioriti, un quarantenne siciliano trapiantato da vent’anni in Lombardia per lavoro, atterra nella sua isola per un breve periodo di riposo presso la famiglia d’origine, a Galati Mamertino, un piccolo borgo sui monti Nebrodi in provincia di Messina. Nel pomeriggio del suo arrivo incontra Calogero “Bau”, impiegato dell’archivio comunale che lo invita a visitare qualche vecchio documento anagrafico custodito presso il suo ufficio. Incuriosito da quelle parole, Cristiano accetta e all’indomani, dopo un buon caffè mattutino, si reca all’archivio. Dopo una prima infruttuosa ricerca, un successivo sopralluogo pomeridiano porterà a un insperato e fortunoso ritrovamento. All’interno di quel fatiscente luogo ha infatti scoperto, occultato all’interno di un libro ecclesiastico del ‘700, il diario manoscritto di un brigante siciliano (Giovanni Darco) stilato a cavallo tra il 1864 ed il 1865. Quelle pagine segrete però non sono solo la nuda cronaca delle vicende di lotta tra una banda di ribelli ed i nuovi padroni ma custodiscono, al loro interno, la testimonianza forte e viva di un amore stupendo e proibito: quello tra il brigante e la nobildonna Eufemia Celesti, moglie infelice di un prepotente aristocratico. Storie purpuree di sangue e d’amore si intrecciano e condurranno inesorabilmente tutti i protagonisti di quelle pagine lise a una ineluttabile resa dei conti.

  • Il Libro… prima di tutto! Da dove arriva l’ispirazione e perché leggerlo?

Avevo un diario nel cassetto, un lavoro giovanile di vent’anni fa. Era qualcosa di molto acerbo però sentivo fortemente il desiderio di renderlo qualcosa di bello perché ha rappresentato un momento della mia vita. Sono partito da lì e l’ho poi “incorniciato” in questa opera.  Il motivo che potrebbe indurre un lettore a curiosare tra le sue pagine è semplice, la curiosità per una Sicilia di fine ottocento tanto affascinante quanto ancora cruenta e la sensibilità verso una storia d’amore impossibile.

  • Scrittura e passione… come è cominciata per te e che consigli daresti a chi vuol provare a scrivere?

Non saprei dire quando questa passione è cominciata, posso solo ricordare quando decisi di trasformarla in “libro”. Era il 2013 e decisi di raccogliere i miei racconti sparsi in “Era il mio paese”. Mi lancia nel mare dell’editoria e grazie ad alcuni ottimi consigli riuscii subito ad avere belle soddisfazioni. In due anni, benché pubblicato in self, “Era il mio paese” è stato tradotto in 14 lingue. A chi si vuol lanciare in questa avventura dico due cose, la prima : fatelo! Senza indugiare; la seconda: non cedete al primo offerente, purtroppo il mondo dell’editoria è pieno di sciacalli.

  • Lettura (e leggere) è… Qual è il libro che vorresti avere sempre con te e che consigli assolutamente?

Un libro che mi dà stimoli e che mi ha dato risposte è stato: “Il manuale del guerriero della luce” di Paolo Coelho, una raccolta di pensieri, quasi aforismi di vita direi. Mi ha aiutato in qualche circostanza e mi ha insegnato a “ credere nei miracoli”.

  • Passiamo a Te… conosciamoci meglio!

Ho 42 anni, abito in provincia di Varese ormai da 20 anni per motivi di lavoro. Non vivo di scrittura ma mi piace affermare che scrivere mi fa sentire vivo e non è poco. Leggo abbastanza anche e non sono molto selettivo…cerco di leggere di tutto perché mi piace ed essenzialmente perché mi serve. Sono anche un collezionista di libri antichi ed appassionato di storia ( ho la laurea magistrale in scienze storiche).

  • In conclusione, una sbirciatina ai progetti futuri… cosa bolle in pentola?

Un nuovo romanzo tratto da una storia vera. Mi ha contattato un caro amico con cui non mi vedevo da tempo e mi ha proposto di scrivere qualcosa su una storia. Aveva un sacco di documenti originali…e non ho saputo resistere. Per la primavera 2021 tenetevi pronti…

L’Oblò lo sarà senz’altro! 😉

Colgo l’occasione per ringraziare Cristiano, per avermi permesso di leggere non solo questo suo “D’amore e di briganti”, ma anche la sua “Sicilitudine”: una raccolta di racconti in cui si avverte in ogni pagina il legame indissolubile tra l’Autore e il suo paese natale in terra siciliana; Galati Mamertino. Grazie; davvero.

Avrete presto notizie in merito; perciò… sempre, sempre, sempre: #StayTuned!

Sperando che questa nuova #OblòSegnalazione vi sia piaciuta… alla prossima!

#BuonissimeLetture a Tutti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...