#Recensione: “Gli ansiosi si addormentano contando le apocalissi zombie” di Alec Bogdanovic

Lettore avvisato… mezzo salvato!
Ricevo la richiesta di leggere e recensire il libro cui è dedicato questo post, da parte dell’Autore, insieme alle parole: “Ti avverto che ha un umorismo un po’ spinto, quindi vacci preparata”.
Partendo dunque da questo presupposto… Confermo!

Gli ansiosi si addormentano contando le apocalissi zombie di Alec Bogdanovic è esattamente questo e molto di più. Un libro scritto per trattare un argomento delicato come l’ansia, in maniera irriverente e assolutamente non convenzionale. Non posso negare che, ipotizzando un libro su un argomento del genere, mi sarei aspettata un approccio completamente diverso e, pur pensando ad una narrazione impostata su esperienze personali, avrei gradito trovare pagine in grado di parlare… di raccontare di un’introspezione in maniera decisamente meno “ironica”.
Or dunque mi ritrovo, a lettura terminata, a faticare un po’ nel gestire una ridda di pensieri.
A tratti mi è piaciuto e l’ho considerato audace, a tratti ho fatto fatica a capire perché l’Autore abbia scelto di narrare vicende – che immagino appartenere ad un vissuto personale (ma non è detto!) – proprio in questa maniera.
Poco, ma sicuro, è un genere di narrazione cui non sono abituata, ma alla quale non mi sento di riservare un parere completamente negativo. Tutt’al più… Scettico!
Il Libro è una lettura comunque in grado di calamitare l’attenzione.
Incentrando i diversi capitoli prevalentemente sul rapporto uomo-donna e concentrandosi maggiormente sulle questioni inerenti la sfera sessuale, Alec racconta vicende non facili e racconta anche di come l’approccio emotivo abbia un ruolo determinante. Di come tutto possa essere frutto di ansie e, conseguentemente, di quanto l’ansia possa giocare poi brutti scherzi, facendo diventare la vita una sorta di gatto che si morde la coda.
Mi sarebbe piaciuto riuscire a comprendere un po’ di più il protagonista, riuscire ad entrare in sintonia e riuscire a sentire addosso alla mia pelle le sue stesse sensazioni.
Sono arrivata alla fine, però, senza esserne stata capace.
Concludo dunque lasciando andare un “Ni” per questo libro. Certa di non scoraggiare nessuno in questo modo. Consapevole di aver fatto, a mia volta, ciò che l’Autore ha fatto con me.
Lettore avvisato… dunque!
Alla prossima.
Buon fine settimana e buonissime letture a Tutti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...